Museo d'Arte Cinese ed Etnografico  ●  Missionari Saveriani  - V.le S. Martino, 8  -  43123 Parma  ●  0521-257.337

Il grande diadema: Krôkrôk-tire


Il grande diadema: Krôkrôk-tire

Collez. Kayapò Area Villag. Kikretum Misure H. cm. 170.
L. cm. 68.
kpo0406

Il grande diadema: Krôkrôk-tire

 

 

Il più voluminoso e vistoso diadema dei Kayapò. Viene usato solo nelle grandi celebrazioni ed è confezionato esclusivamente con le piume caudali di due specie di pappagallo: l’ara macao rosso (ara chloroptera) e l’ara macao blu-giallo (ara ararauna).
Il nome - Krôkrôk - è parola onomatopeica che indica lo stormire delle foglie agitate dal vento. Il suo ondeggiare al ritmo della danza dà l’idea della persona che vola. Esprime il desiderio di volare, l’antico ed ancestrale sogno dell’uomo che anela la libertà.
La confezione di questo diadema segue tecniche e regole precise. Con un filo di cotone si forma un occhiello e si fissano strettamente le piume ad una corda guida nella parte inferiore. Nella parte mediana un secondo filo di cotone lega le singole piume una all’altra, permettendo così una completa apertura a ventaglio.
Alle estremità delle punte sono legate piume sotto-alari bianche di airone (mycteria americana) o di aquila reale (harpia harpyia). Può, indifferentemente, essere portato sia sul dritto che sul rovescio.
Il diadema grande viene incastrato tra le due lamine di una struttura rigida (telaio – àkkà djê-djà) confezionata con le nervature delle foglie della palma di buritì (mauritia flexuosa).
Nel Museo dal 2002. Provenienza villaggio Kikretum.