Museo d'Arte Cinese ed Etnografico  ●  Missionari Saveriani  - V.le S. Martino, 8  -  43123 Parma  ●  0521-257.337

Giara


Giara

DataArcaico Neolitico
3000-1900 a.C.
Categoria Terracotta Area Cina Nordoccid. Misure H. cm. 32.
ø max. cm. 45
cna0199

Vaso Banshan

 

 

Giara Cina nordoccidentale (Gansu-Qinghai), Neolitico, Cultura Majiayao (III millennio a.C.), Terracotta con decorazione dipinta. Forma sferica. Base circolare piatta. Due manici intorno al ventre. Colore argilla tendente al grigio, uniforme, spessore mm. 6. Mantello decorato in nero e rosso scuro con spirali, limitate superiormente da due grosse righe, una nera e una rossa più alta. Il collo è decorato con linee intersecantisi di cui sono visibili solo minime tracce.
Questo vaso proviene da scavi effettuati dall'archeologo svedese Dr. J. Gunnar Andersson nel 1923 nella zona di Gansu nella Cina nord-occidentale. Notare l'estrema sottigliezza del corpo. Ecco cosa ne scrive il Prof. Ye Zhemin sulla rivista "Palace Museum Journal", n° 3, 2000, Pechino: "La cultura Banshan è stata così nominata in relazione al luogo in cui è stata scoperta per la prima volta: le necrepoli di Banshan, nella contea Hezheng (provincia del Gansu). Le anfore a bocca ampia, collo corto, corpo ovale e con due manici come quelle collezionate nel museo sono tra le terrecotte più diffuse. La decorazione a mulinello, dentellature e quattro cerchi collegati tra loro rappresentano l'impianto decorativo maggiormente usato. Queste due anfore, oltre ad essere pezzi di notevole valore, sono anche gli oggetti più antichi tra le ceamiche raccolte in questo museo".
Nel Museo dal 1963. Dono Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza.